Controcorrente

Carolina Raquel Antich

19 Giugno - 17 Luglio 2015

Carolina Raquel Antich
Controcorrente

Carolina Raquel Antich
Musicalizzazione a cura di Gionata

Carolina Raquel Antich
Musicalizzazione a cura di Gionata

Carolina Raquel Antich
Barbara Paltenghi Malacrida, Carolina Antich, Eugenia Walter

Carolina Raquel Antich
Aperitivo curato da A Great Idea!

Carolina Raquel Antich
Controcorrente

Carolina Raquel Antich
Controcorrente

Carolina Raquel Antich
Controcorrente

Carolina Raquel Antich
Sulla Riva / 2015
porcellana
cm 13x54x15

Carolina Raquel Antich
Ramo / 2011
acrilico su lino
cm 132x100

Carolina Raquel Antich
L’avventura dei bagnanti / 2015
acrilico su lino
cm 88x56

Carolina Raquel Antich
Emponchado / 2013
acrilico su lino
cm 45x36

Carolina Raquel Antich
Portrait of sisters / 2013
acrilico su lino
cm 62,5x55,5

Carolina Raquel Antich
Chiaro di luna / 2014
acrilico su lino
cm 139,5x114

Carolina Raquel Antich
Brothers / 2013
acrilico su lino
cm 81x70

Carolina Raquel Antich
A boy with his dog / 2015
porcellana
7x7x8 e cm 2,5x9x5

Carolina Raquel Antich
Sola / 2015
porcellana
15x12x6

Carolina Raquel Antich
invito Controcorrente

 

Comunicato Stampa

Carolina Raquel Antich
CONTROCORRENTE

 

La Galleria Doppia V di Lugano è felice di invitarvi all’inaugurazione di CONTROCORRENTE, una mostra personale di
Carolina Raquel Antich. Il progetto espositivo si propone quale occasione unica per ammirare gli esiti recenti (dipinti, disegni e sculture inedite) di un’artista tra le più interessanti della scena contemporanea.

Il lavoro di Carolina Raquel Antich, attento a delineare con profonda sensibilità una visione delicata ed essenziale della figura umana, incarna perfettamente l’ambivalenza tra osservazione e racconto. Un sentire interiorizzato, spazi sospesi di rarefatta suggestione quali emblemi di un’originale sintesi espressiva.

Come scrive Barbara Paltenghi Malacrida nel catalogo della mostra:
“L’età della giovinezza sembra cristalizzarsi nelle opere di Carolina Raquel Antich, come se il futuro non esistesse e il presente fosse l’unica condizione possibile. Le piccole figure maschili e femminili compongono un girotondo silenzioso, si cercano, si abbandonano, galleggiano nello spazio compositivo come boe appena oltre gli scogli. Si somigliano, si allineano, sempre alla giusta distanza: mai troppo lontane per perdersi, mai troppo vicine da offuscare la visione di un mondo leggero e trasparente. Hanno coraggio, intraprendenza: si immergono in acque chiare, in apnea e con gli occhi chiusi, salgono sui rami più alti incuranti dei pericoli, affrontano il buio delle tenebre con un ardimento che è fermezza
e spavalderia.

La loro terra è come un’isola: non ha confini se non un orizzonte profondo, barche appoggiate alle onde, stagni rotondi avvolti da alberi in cerchio e senza fronde. Il senso del tempo avvolge lo sguardo di chi osserva: è un divenire letterario, onirico, mentale. Catturati da un gesto, da un pensiero, da un’espressione ci soffermiamo a chiederci che ne sarà di loro quando il nostro occhio passerà oltre, quando saranno risaliti dal tuffo, quando saranno scesi dall’albero e usciti dallo stagno nella luce scura.”

Carolina Raquel Antich (Rosario, Argentina, 1970) vive e lavora a Venezia dal 1997. Tra le collaborazioni principali ricordiamo Lynch Tham Gallery New York, Art-U-Room Tokyo, Doppia V Lugano, Distrito 4 Madrid, Fondazione Bevilacqua La Masa Venezia, Gimpel Fils Gallery Londra, Biennale Arte di Venezia. Ha recentemente iniziato una collaborazione con la casa editrice Feltrinelli per la pubblicazione delle nuove immagini di copertina dei romanzi dell’autrice giapponese Banana Yoshimoto.
La mostra di Lugano sarà accompagnata da un catalogo con la riproduzione di tutte le opere esposte e un contributo critico della curatrice.